Corona virus: 7 consigli utili per non mettersi le mani in bocca

corona virus

In  queste settimane di allarme per il Corona virus, sicuramente ti sei accorto di quanto sia difficile non mettersi le mani in bocca o  semplicemente toccarsi il viso o gli occhi.

Quando ti succede nei luoghi pubblici pensi “Cavolo, perché non riesco a controllarmi?

Non sei l’unico ed è anche normale che in un momento di panico sociale sia più facile essere impulsivi.

La febbre da Corona virus causa un numero di morti molto più basso rispetto all’influenza normale.

L’unica differenza è che non siamo mai stati informati sul numero dei decessi che causa una febbre normale. Anche per questo fa notizia.

In questo articolo vediamo alcune strategie che possono aiutarti a mantenere maggiormente il controllo sulle tue mani e cosa significa secondo il linguaggio del corpo toccarsi il viso.

Come comportarsi

Prima di elencarle, vorrei spiegarti brevemente il perché spesso non riusciamo a controllarci.

Le cause principali possono essere dovute alle paure o preoccupazioniinsicurezzeincertezze sul futuromalesserestress o ansia.

Si può trattare di emozioni che sono rimaste bloccate nella parte inconscia del nostro cervello, composta dal 93%. L’inconscio infatti svolge una funzione fondamentale sulle nostre azioni.

Tutte le nostre emozioni e i pensieri inconsci si manifestano nella nostra vita in qualche maniera.

Spesso, compiamo azioni che non vorremo fare o diciamo cose che non vorremo dire.

In questi casi, i nostri comportamenti sono influenzati dalla parte inconscia.

Soprattutto in un momento di allerta per il corona virus è più facile che i nostri pensieri non siano lucidi e che ci facciamo contagiare dalle paure collettive e dai mezzi di comunicazione di massa.

Generalmente, chi è abituato a mettersi le mani in bocca, mangiarsi le unghie o le pellicine si può essere reso conto maggiormente di avere difficoltà a controllarsi proprio in questo periodo.

In realtà, mettersi le mani in bocca è un problema che già esisteva da tempo per molte persone. Nei casi eccessivi può diventare una patologia che si chiama onicofagia.  Si tratta di un’abitudine compulsiva di rosicchiarsi le dita.

Anche nei casi meno estremi, mettersi le mani in bocca è una risposta ai comportamenti nervosi, stress o noia. È uno sfogo che si manifesta la maggior parte delle volte in modo inconscio.

È un modo in cui si trasmette anche la propria aggressività nascosta. Proprio per questo motivo dovremmo svolgere delle attività e azioni per ridurre l’impulsività e l’ansia.

Nei momenti di panico si attiva in modo alternato l’amigdala, una regione del cervello influenzando il corretto funzionamento dei neurotrasmettitori, sostanze chimiche che lavorano come messaggeri tra i neuroni. 

Il nostro corpo è composto da circa 86 milioni di neuroni che si riproducono continuamente. È un processo chiamato neurogenesi.

I neurotrasmettitori si possono anche distruggere a causa di alcune cattive abitudini, come l’uso di tabacco o droga, uno stile di vita sbagliato o l’ansia.

Quando siamo in uno stato di paura o di poca lucidità generale possiamo subire dei sequestri emotivi. Proprio in questi momenti compiamo azioni senza rendercene conto (come toccarsi il viso o mangiarsi le unghie).

La mente si assenta e poi ritorna nel momento presente. Però la mente non è il nostro cervello e possiamo, quindi, controllarla.

È importante che siamo più attenti a curare il nostro benessere nei periodi in cui siamo maggiormente stressati, come questo del Corona virus.

Abbiamo tutti delle preoccupazioni economiche e l’incertezza ci porta ad avere una mancanza delle necessità basiche: la sicurezza.

Quando siamo in uno stato insicuro vengono a mancare anche altre necessità basiche descritte nella Piramide di Maslow.

Avere ansia per l’incertezza di quello che accadrà favorisce il meccanismo compulsivo di mangiare le unghie o le pellicine. 

Se, invece, hai solo delle difficoltà a controllare il contatto delle mani sul viso analizziamo insieme il significato del linguaggio del corpo che può interessarci in questo periodo quando compiamo alcuni segnali.

Il linguaggio del corpo

  • TOCCARSI IL NASO

Toccarsi il naso significa sentirsi irritati, infastiditi. Si tratta di un fastidio psicologico che crea realmente un prurito reale.

  • TOCCARSI L’ANGOLO INTERNO DELLA ZONA LACRIMALE

Anche in questo caso possiamo manifestare qualche fastidio interiore.

  • TOCCARSI IL SOPRACCIGLIO

Significa scetticismo, avere dubbi.

  • GRATTARSI LA FRONTE

Rimanere increduli a qualche notizia.

  • GRATTARSI LO ZIGOMO O LA ZONA DAVANTI L’ORECCHIO

Esprime confusione o tensione.

  • SPINGERE CON UN DITO IL LABBRO INFERIORE VERSO L’ALTO

Esprime disgusto o disprezzo. Dubbi.

  • APPOGGIARE UN DITO SULLE LABBRA

Può significare provare piacere. Una variante di questo comportamento è toccarsi le labbra con una penna o con un oggetto (che possono trasmettere comunque i batteri).

  • TENERE IL MENTO APPOGGIATO SULLA MANO

Mostra un segno d’interesse.

Aldilà dei gesti elencati, possono essere vari i motivi per cui ci tocchiamo il viso o ci mettiamo le mani in bocca.

Il nostro cervello è composto da 4 lobuli di cui ognuno si occupa di funzioni diverse. Un disequilibrio di un lobulo porta a un disequilibrio degli altri tre.

Quando non controlliamo lo stress e l’ansia o non riduciamo le nostre paure alteriamo anche il funzionamento dei neurotrasmettitori e dei lobuli.

Per questa ragione è importante che siamo maggiormente coscienti e motivati a migliorare il nostro umore.

Come avere il controllo sulle mani

Vediamo ora delle strategie che ti aiuteranno ad avere un maggiore controllo sulle tue mani e a equilibrare maggiormente il funzionamento dei neurotrasmettitori, spesso causa di un disequilibro emotivo:

1. Fai una dieta equilibrata per alzare le tue difese immunitarie:

  • Evita lo zucchero e un uso eccessivo di caffè, te, bevande energizzanti o i succhi industriali perché aumentano lo stress.
  • Distribuisci la quantità di carboidrati, di proteine, legumi, frutta e verdura.
  • Includi nella tua dieta gli omega 3 che sono nutrienti molto utili per il metabolismo e la memoria. Puoi trovarli nel pesce azzurro, semi di lino o di chia, legumi, frutta secca come noci o mandorle.
  • Altri cibi che aiutano ad aumentare le difese immunitarie sono la cioccolata fondente, l’aglio, le spezie come la curcuma o lo zenzero, la frutta che contiene vitamina c (esistono anche degli integratori), i cereali come l’avena o l’orzo e fermenti lattici (yogurt).

Consiglio sempre di contattare il medico di fiducia o un nutrizionista per seguire una dieta personalizzata.

2. Fai sport

  • Lo sport è il rimedio più efficace per ridurre lo stress e le paure.
  • Libera alcuni neurotrasmettitori come la dopamina, la serotonina, la noradrenalina, l’endorfina, il Gaba (neurotrasmettitore della calma).
  • Aumenta la concentrazione e la sensazione di benessere e leggerezza.

3. Medita

  • È scientificamente provato che la meditazione ha dei benefici immensi sulla parte inconscia del cervello e aumenta la concentrazione durante le giornate.
  • Esistono vari tipi di meditazione che possono funzionare maggiormente in base alle proprie necessità.

4. Cura le tue mani

  • Compra uno smalto amaro (è trasparente) e porgilo anche sulla pelle che contorna le unghie oppure puoi usare il gel dell’Aloe Vera.
  • In alternativa puoi acquistare l’olio che utilizzano nei centri estetici per curare le pellicine.
  • Idratare la pelle delle mani diminuisce la creazione della pelle secca che crea maggiormente l’innalzamento delle pellicine e la tentazione di mangiarle.
  • È molto utile mettersi la crema per le mani prima di andare a dormire.
  • Se sei una donna l’uso di smalti scuri può aiutarti a mantenere le mani curate.
  • Un aiuto potrebbe essere quello di fare la manicure una volta a settimana (anche se sei un uomo). Avere un appuntamento fisso a settimana aiuta a mantenere il controllo nei giorni limitrofi.

5. Scrivi

  • Scrivi su un foglio le tue paure o le preoccupazioni con le possibili soluzioni.
  • Quando scriviamo la mente si distacca maggiormente dalle emozioni. È una tecnica che lavora l’Intelligenza emotiva.
  • L’aggressività interiore può manifestarsi in molti modi e possiamo sfogarla anche sulle nostre mani.
  • È importante liberarsene e mantenerla sotto controllo, anche scrivendo.

6. Pensa positivo

  • Non farti prendere dal panico.
  • È corretto seguire le norme igieniche consigliate dall’Organizzazione mondiale della sanità per la prevenzione ma non farti influenzare eccessivamente dai mezzi di comunicazione di massa.

È vero che non abbiamo ancora un vaccino ma presto questa situazione si risolverà ed è importante vivere una vita normale PRENDENDO LE GIUSTE PRECAUZIONI.

Vivere con troppe preoccupazione non significa vivere ma sopravvivere. Possiamo anche uscire di casa ed essere colpiti da un vaso in testa.

Cosa facciamo quindi paralizziamo la nostra vita o troviamo delle alternative?

L’associazione italiana agenti di viaggio (Aiav) ha presentato una denuncia a 5 quotidiani per aver diffuso un allarme così alto nella società che non corrisponde alla verità.

Possiamo fare un esempio del quotidiano il Giornale

ESPLODE IL CONTAGIO

ITALIA INFETTA

IN VENETO IL PRIMO MORTO PER CORONA VIRUS

corona virus

Focolaio a Lodi, 15 casi e 50 mila in isolamento

Emergenza nazionale. L’OMS: “Difficile fermarlo”

Questa è la copertina.

È logico che si è creato il panico. Non conosciamo questo virus e i giornali diffondono le notizie con un grado di allarmismo altissimo.

La cosa più grave è che in questo modo stiamo provocando delle gravi crisi economiche nel mondo. Di conseguenza, le preoccupazioni per il lavoro aumentano la paura del Corona Virus.

È importante assorbire le informazioni in modo distaccato altrimenti abbiamo una percezione alterata distorcendo la vera realtà dei fatti.

Pensare positivo significa anche non ingigantire con le emozioni quello che ci riportano i mezzi di comunicazione.

7. Sorridi

  • Ogni volta che ti rendi conto di mettere le mani in bocca sorridi per 7 secondi o più tempo. Anche quando sorridiamo forzatamente inviamo un messaggio positivo al nostro cervello che lo riceve e lo rimanda alla nostra mente.
  • In questo modo possiamo trasformare le emozioni con i nostri pensieri.
  • Il sorriso e la risata provocano dei benefici immediati e abbassano l’intensità di un pensiero negativo, alleggerendo le preoccupazioni e le incertezze.
  • Guardati un bel film comico e renditi conto di come può cambiarti l’umore.

Questi sono alcuni consigli che possono aiutarti ad aumentare il controllo sulle tue mani e a gestire maggiormente le emozioni. Se pensi che questo articolo possa essere utile puoi condividerlo e se hai bisogno di un consiglio personalizzato, prenota una chiamata gratuita di 30 minuti.

Se hai bisogno di altri consigli pratici e vuoi una consulenza gratuita di 30 minuti, non esitare a contattarmi, sarò felice di poterti aiutare.

Compila il form e ti ricontatterò al più presrto o leggi qualcosa su di me. 

    Per trovare ispirazione seguimi su INSTAGRAM